Digital strategy

Unlock Creativity #3: e tu, a quali domande risponderai?

Digital strategy
Cecilia Piccoli
digital strategy, digital transformation
7 Aprile 2020

Chiunque venga interrogato su questo delicato, incerto e diciamolo folle momento storico, probabilmente dirà che la parola chiave per interpretarlo è cambiamento. Tanto nella quotidianità personale quanto nelle dinamiche lavorative.

Noi di Studio Idee Materia siamo affascinati, ora più che mai, dalla capacità di brand e aziende di navigare il cambiamento quando, per esempio, riguarda la necessità di cambiare alcuni aspetti della comunicazione di brand, per rimanere vicini e rilevanti rispetto ai clienti.

Ma cosa succede quando a cambiare dobbiamo essere noi?

Preparati a fornire nuove risposte

Abbiamo analizzato due case study in cui il cambiamento è stato per così dire più viscerale, e ha toccato addirittura i processi produttivi e gestionali delle aziende coinvolte.

Dallo Smart Working, di cui si fa un gran parlare e a cui non tutti erano ugualmente pronti – si inaugura così la stagione del “io ti vedo, tu mi senti?!” 🙂 – all’opportunità di riqualificare la produzione per supportare l’emergenza oppure quella di dare spazio a processi interni di digital transformation.

  • Maglificio Ma.Re.

Se le domande cambiano, cambiano anche le risposte.

Con il dilagare della pandemia, quest’azienda tessile ha deciso di riconvertire la propria produzione di intimo, e rispondere tempestivamente alla costante richiesta di mascherine.

Entra nello stabilimento

  • Euromacchine

Se la domanda non cambia, le risposte cambiano comunque.

Ci avevano scommesso in tempi non sospetti. Ora il loro e-commerce di macchine per l’irrigazione agricola è diventato fondamentale per presidiare il mercato e il punto di partenza di un percorso a lungo termine.

Immergiti nella storia

 

 

Ricevi i nuovi articoli

Ti piace il nostro blog?
Non perderti i prossimi articoli.


Raccontaci la tua idea

Ci piace confrontarci con nuovi progetti. Qual è il tuo?